Voucher figli 2000 euro: solo per ragazzi tra 3 e 21 anni e occhio alla scadenza

Arriva il nuovo voucher figli da 2000 euro, se questi hanno un’età tra 3 e 21 anni. Ecco come ottenerlo e quali sono i requisiti da possedere.

L’Italia, come ben si sa, sta attraversando un forte periodo di crisi economica. Ovviamente, i più colpiti sono i cittadini, i quali faticano ad arrivare alla fine del mese poiché le uscite sono nettamente superiori alle entrate. Lo Stato, proprio per agevolarli, ha stanziato diversi bonus e agevolazioni a loro favore nel corso degli anni.

Nuovo voucher di 2000 euro per figli: ecco come richiederlo
Un’occasione da non perdere per tutti i genitori: arriva il voucher da 2000 euro per i figli – ladradibiciclette.it

Oggi, tra i vari incentivi, troviamo anche un voucher da ben 2000 euro, che possono ottenere coloro che hanno figli tra i 3 e i 21 anni. Bisogna, però, rispettare e possedere i requisiti richiesti. Ecco dunque spiegato nel dettaglio tutto quello che è necessario sapere per poter usufruire di tale beneficio.

Voucher figli 2000 euro: in cosa consiste e come ottenerlo

Per l’anno 2024, le famiglie con a carico figli con disabilità, di età tra i 3 e i 21 anni, possono fare domanda per un finanziamento pubblico – ovvero un voucher. Esso serve per agevolare l’accesso a servizi di conciliazione, quali centri estivi e simili, durante la sospensione estiva delle attività scolastiche. Ricorda che la richiesta può essere presentata entro il 29/09/2024.

Questi servizi garantiscono l’assistenza dei ragazzi e delle ragazze con disabilità da parte di personale altamente qualificato, a domicilio o nelle strutture specializzate. Si svolgeranno attività di svago, sportive, educative e culturali nel periodo tra il 07/06/2024 e il 10/09/2024.

Nuovo voucher 2000 euro: se hai figli da 3 a 21 anni puoi ottenerlo
L’obiettivo dell’iniziativa è agevolare l’accesso ai servizi di conciliazione – ladradibiciclette.it

Possono richiedere il voucher i nuclei familiari residenti in Valle d’Aosta (dove è stata lanciata l’iniziativa). Inoltre, per poter beneficiare dell’incentivo, almeno un genitore deve rientrare nelle categorie qui elencate: occupato con rapporto di lavoro subordinato; destinatario di un percorso di politica attiva del lavoro condivisa con il Centro per l’impiego; lavoratore autonomo con partita IVA attiva.

Le domande devono essere presentate utilizzando esclusivamente i modelli predisposti e disponibili nella pagina dedicata. Sono da inviare all’indirizzo conciliazione@regione.vda.it con oggetto dell’email: “Cognome e Nome del beneficiario – Voucher Servizi Conciliazione 2024”. Bisogna allegare una marca da bollo da 16,00 euro, la cui imposta deve essere assolta in modalità virtuale sul Portale PagoPA riportando la causale “Misura Voucher di conciliazione 2024 approvata con provvedimento n. 2499 del 10/05/2024”.

Non dimenticare, inoltre, di aggiungere una copia del documento di identità del richiedente, il preventivo di spesa o la ricevuta di pagamento della quota di iscrizione al servizio di conciliazione, oltre che delle spese relative al compenso del personale qualificato impiegato dalla famiglia. Inoltre, sarà necessario il curriculum vitae del personale stesso coinvolto nelle attività.

Il voucher ha un valore di 2000 euro. Se si è ricorso a diversi servizi di conciliazione, è possibile richiedere più bonus, fino all’importo massimo. Può essere erogato a titolo di acconto, nella misura del 70%; oppure a conclusione dell’utilizzo del servizio.

Impostazioni privacy