ladra di biciclette

il bike blog di una giornalista a pedali

vintage

3 Posts Torna alla Home

L’Eroica: 10 buoni motivi per andarci e continuare a farlo

L’Eroica di quest’anno ha raccolto ciclisti da 58 paesi, alcuni veramente lontani – Azerbaigian, Vanuatu, Panama, Pakistan, Perù. Noi donne dell’Eroica eravamo 850, una ciclista persino dalla Cina, un numero che per la prima volta ha superato il 10% dei ciclisti totali. Io ci sono arrivata da Casole d’Elsa dove avevo partecipato alla cena dello chef-ciclista Fabio Flagiello preparata per i ciclisti giunti dagli States per pedalare sulle strade bianche del Chianti. Nei 50 minuti di viaggio che mi separavano da Gaiole, mi sono chiesta: perché L’Eroica piace così tanto? Perché muove gente dai più remoti angoli del mondo? Così ho cominciato a stilare la mia personalissima lista di buoni motivi. Fatemi sapere se siete d’accordo. L’Eroica piace perché… 1. L’Eroica è…

E’ vero che la bici ingrossa le gambe?

Non vi dirò di chi sono le tre o più gambe che appaiono in questa foto. Siate certi, però, che sono gambe di donne cicliste che conosco bene, una in particolare. Queste gambe in incognito le ho incontrate qualche settimana fa alla cena che Francesco Moser offriva al sul Maso fuori Trento, lì dove coltiva uva e rose, e produce vini con ottime bollicine ed etichette decisamente evocative, come quella che ricorda il suo record dell’ora a Città del Messico: 51,151. Tra un bicchiere e l’altro ho osservato i polpacci delle signore che il giorno dopo, l’8 luglio, avrebbero preso parte alla Moserissima, la ciclostorica che parte dalla spettacolare piazza Duomo di Trento, per compiere, lungo la ciclabile dell’Adige, un…

Piccola storia del colore della maglia rosa

Nessun colore è per sempre. E nessuna vibrazione cromatica è eternamente maschile o femminile. Vedi il rosa della Maglia del Giro d’Italia, tra i più iconici che ci siano. Per cominciare, non si sa bene quale colore sia: il suo codice, nell’anno del Centenario, è il Pantone 190 C. Ma solo in questa edizione. Strano a dirsi, il rosa della maglia simbolo del ciclismo italiano non è mai stato codificato e non è sempre uguale. Basta fare un salto al Museo del Ghisallo, conquistati quei 7 km di salita ardita da Bellagio, sul Lago di Como, per osservare, appese a stendini di legno, maglie color pesca, salmone, cipria, polvere, fenicottero, fucsia, bubble gum, rosa antico, corallo e rosa nudo. Una…

Navigate