ladra di biciclette

il bike blog di una giornalista a pedali

bici vintage

3 Posts Torna alla Home

L’Eroica: 10 buoni motivi per andarci e continuare a farlo

All’Eroica di quest’anno sono arrivati da 58 paesi, alcuni veramente lontani – Azerbaigian, Vanuatu, Panama, Pakistan, Perù. Noi donne eravamo 850, una ciclista persino dalla Cina, un numero che per la prima volta ha superato il 10% dei ciclisti totali. Io ci sono arrivata da Casole d’Elsa dove avevo partecipato alla cena dello chef-ciclista Fabio Flagiello alla Tenuta delle Macchie preparata per i ciclisti giunti dagli States per pedalare sulle strade bianche del Chianti. Nei 50 minuti di viaggio che mi separavano da Gaiole, mi sono chiesta: perché L’Eroica piace così tanto? Perché muove gente dai più remoti angoli del mondo? Così ho cominciato a stilare la mia personalissima lista di buoni motivi. Fatemi sapere se siete d’accordo. L’Eroica piace perché… 1.…

Il mito di Alfonsina Strada nel fotoprogetto di un’artista olandese

C’è voluta un’olandese, una fotoreporter 52enne che lavora a Rotterdam e vive sull’isola di Noord-Beveland, nello Zeeland, per raccontarci, in immagini, con un fotoprogetto che è diventato un libro e che vorrebbe trasformasi in una mostra, la dimenticata storia di Alfonsina Strada. Ciclista per passione, la Maratona dles Dolomites e diverse granfondo alle spalle, fiduciosa che la bici possa “attraversare la vita delle persone quanto i luoghi”, Ilona Kamps si è trovata qualche anno fa sul colle del Ghisallo. Era il 2011, seguiva il Giro di Lombardia. La vecchia bicicletta di Alfonsina Strada l’aspettava nel piccolo Santuario della Madonna protettrice dei ciclisti, su quel colle sopra Bellagio, tra le coccarde e le altre bici della storia, collocata così alta sulla…

Piccola storia del colore della maglia rosa

Nessun colore è per sempre. E nessuna vibrazione cromatica è eternamente maschile o femminile. Vedi il rosa della Maglia del Giro d’Italia, tra i più iconici che ci siano. Per cominciare, non si sa bene quale colore sia: il suo codice, nell’anno del Centenario, è il Pantone 190 C. Ma solo in questa edizione. Strano a dirsi, il rosa della maglia simbolo del ciclismo italiano non è mai stato codificato e non è sempre uguale. Basta fare un salto al Museo del Ghisallo, conquistati quei 7 km di salita ardita da Bellagio, sul Lago di Como, per osservare, appese a stendini di legno, maglie color pesca, salmone, cipria, polvere, fenicottero, fucsia, bubble gum, rosa antico, corallo e rosa nudo. Una…

Navigate