ladra di biciclette

il bike blog di una giornalista a pedali

Bike hotel: una guida di prossima uscita raggruppa gli alberghi amici della bici

Che cos’è un bike hotel? E, soprattutto, dove si trovano e come si prenotano? Mi è spesso capitato, in viaggio, di imbattermi in alberghi sedicenti amici della bicicletta. Alla mia richiesta di visionare il deposito delle bici riservato agli ospiti, la chiave del garage – guarda caso – era sempre altrove. Mi è capitato di dormire in hotel che mi impedivano di riporre la bici in camera. Di trovare Albergabici, come quello di Montalbano di Fasano, in Puglia, – una vecchia casa cantoniera recuperata con una notevole somma di denaro pubblico – che, aperto già da un anno, non aveva ancora ospitato un cicloturista. Per ignoti motivi, forse la mancanza di abitabilità, oscillava tra la fisionomia del centro visitatori del Parco delle Dune Costiere di Torre Canne e un ostello per cicloturisti non ancora apparsi. Due vocazioni per nulla sovrapponibili.

bike hotel valle d'itria puglia

Cercasi vero bike hotel disperatamente

Nella ricerca di un’accurata selezione di bike hotel in Italia, mi sono imbattuta in Fabrizio Ravasio di Sport Maker. Trentanovenne milanese, un curriculum nel marketing, assiduo pedalatore, Fabrizio si è messo in testa di riempire un vuoto: creare una guida super partes, slegata a logiche associative o consortili, che fotografi il comparto degli alberghi vocati all’accoglienza cicloturistica. Ne sta nascendo la Bike Hotel Guide edita da Sport Press, cui seguirà presto il sito bikehotelguide.com con gli stessi contenuti. Ecco, in anteprima, cosa ci ha raccontato.

Quali sono le associazioni di bike hotel esistenti?

“Ce ne sono diverse. L’associazione Italy Bike Hotels ne raccoglie una settantina e si occupa di centralizzare il booking.  Esistono poi i Bike Hotels Italia con circa 60 strutture, il sito degli Hotel on bike, i Cyclist Hotel non solo italiani, i Bike Hotel di Finale Ligure con 17 alberghi, il portale del Lago Maggiore, quello di Riccione, i Bike Hotel dell’Alpe Cimbra, i Giro Hotels di Cesenatico e gli Albergabici di Fiab”.

bike hotel campagna toscana
Campagna toscana intorno al borgo di Castelfalfi
Amici della bici sono anche gli chalet di montagna e gli agriturismi

Di mio, aggiungerei che esistono anche i Cycling Chalets, un progetto degli olandesi appassionati di ciclismo su strada Jaap Pronk and Frans Gielen che, stanchi dell’infinita pianura del paese d’origine, si sono messi a cercare case da affittare in montagna, preferibilmente sulle Alpi, con la possibilità di alloggio sicuro delle biciclette e di pedalate con dislivelli per tutti. Nel loro sito si specifica che se lo chalet di montagna ha anche la sauna o la vasca idromassaggio è meglio! Molto usato in Germania, ma conosciuto anche nelle regioni italiane del nordest è il sito Bett und Bike, in tedesco, di cui è disponibile anche un’app. Questo portale raccoglie quasi 6mila indirizzi in tutta Europa tra cui anche i campeggi.  Bisogna però masticarne la lingua. Altro buon esempio di aggregazione di alberghi e agriturismi a vocazione bike friendly è quello del Terre di Casole Bike Hub che raccoglie una quindicina di strutture nel territorio di Casole d’Elsa, in Toscana, proponendo anche circuiti su strade a bassa percorrenza di traffico e in mtb. Di buona reputazione sono anche i Bike Hotel altoatesini. 

La buona certificazione di Ponte di Legno – Tonale

Sottoposti a un disciplinare con ben 196 requisiti ispirato a criteri già in atto in Svizzera è il gruppo di bike resort certificati nel territorio di Ponte di Legno e Passo del Tonale, tra Alta Val Camonica e Alta Val di Sole, a cavallo tra Lombardia e Trentino, raccolti nel sito Pontedilegnotonalebike con l’idea di espandersi anche a residence e campeggi. Il plus di questi alberghi, tra cui spicca per eccellenza il Gran Hotel Miramonti, è di avere, oltre ai consueti servizi che elenco qui sotto, la presenza di un nutrizionista e di un fisioterapista convenzionati che ruotano tra le strutture. Ecco i servizi:

  • deposito custodito
  • spogliatoio e lavanderia per l’abbigliamento tecnico
  • manutenzione ordinaria delle biciclette
  • lavaggio bici
  • guide cartacee e materiale specialistico
  • angolo fitness e massaggi
  • assistenza fisioterapica
  • menu dedicati
  • punti di noleggio bici
  • recupero e assistenza tecnica
  • punti di ricarica per bici elettriche
La modalità di certificazione

Tornando alla guida di Fabrizio Ravasio, disponibile entro fine anno, l’autore specifica che l’entrata nella selezione è gratuita. Partito da circa 285 alberghi attinti alle reti sopra descritte, Fabrizio sta operando una scrematura sulla base di un modulo di autocertificazione inviato agli alberghi. Per i criteri, si è ispirato al protocollo utilizzato in Val di Sole. Un ente certificatore esterno si sta occupando di dare i punteggi ai servizi che serviranno per la certificazione. Sul sito si potranno fare ricerche anche con la marca di bicicletta, ad uso di chi vorrà noleggiare una specifica bicicletta.

bike hotel hotel tremezzo
La piscina dell’Hotel Tremezzo non lontano dal colle del Ghisallo
Cosa manca agli attuali bike hotel?

“L’abbinamento a servizi di noleggio all’interno dell’albergo stesso”, risponde Fabrizio. “Manca anche l’offerta di biciclette di alta gamma, in ordine e in buono stato. Nei bike hotel servirebbe anche la presenza di un bike manager, una figura che già esiste nell’Alto Lago di Garda e in Toscana: chi ti orienta nella scelta dei percorsi e della bici e che talvolta fa anche da guida”, così come l’oste-albergatore degli Hotel Vitalpina in Alto Adige che, in quanto guida di mezza montagna, accompagna in passeggiata. “Per avere un bicicletta in un hotel bike friendly non si deve andare dall’addetta alla reception. Un altro paramento che farà prendere punti agli alberghi da certificare sarà la vicinanza a bike park, piste e ciclovie”. La scelta dell’albergo, sul sito, potrà essere fatta con diversi parametri di ricerca, in primis la tipologia di bike experience: gravel, fat bike, strada, mtb… E degli alberghi si potrà fornire, a posteriori, una recensione”. Resta da vedere quali di questi alberghi si sono organizzati per l’accoglienza e la ricarica delle ebike. A quel che ulteriormente manca ci sta pensando, in fase progettuale, il Montivas Lodge del gruppo Lungolivigno, che aprirà nel 2018 a Livigno: si tratterà di un lodge all’insegna del turismo active, per ciclisti e trekker giovani, smart, sempre connessi e millenial. Tutt’altro che unplugged.

bike hotel Nantes
Ricovero temporaneo di bici lungo la Loira

 

 

 

stampa questo articolo
Navigate